Browsing Tag:

Verdura

Tagliatelle alle ortiche

Quante volte da piccoli giocando nei prati siete finiti nelle ortiche? Io tante, forse perchè hai miei tempi c’erano ancora tanti prati dove poter giocare tranquillamente , adesso per trovare le ortiche bisogna andare in montagna o in zone fuori città.

Io per fortuna ho una sorella che ama la montagna e quando può mi porta le ortiche fresche appena raccolte.

Ovviamente se pensate di fare un giro di raccolta ricordatevi di mettere i guanti !  Prendete solo le cime, la parte più tenera della pianta.

Io ho preparato sia un ripieno per i ravioli che delle tagliatelle , ma sono ottime anche mangiate come verdura lessate o saltate in padella.

Per fare le tagliatelle con le ortiche usate la stessa ricetta delle tagliatelle verdi con gli spinaci :

100 g Ortiche lessate e ben strizzate

300 g farina bianca

2 uova medie

sale

Per condire:

150 g burro

Erbe aromatiche miste ( salvia, rosmarino, timo, maggiorana)

Parmigiano reggiano grattugiato

Frullate le ortiche cotte con  1 delle uova per ottenere un composto ben omogeneo.

Fate una fontana con la farina, fate un cratere al centro per contenere le uova e versateci il composto di ortiche e il secondo uovo, 1 pizzico di sale  e cominciate ad impastare, usando una forchetta prendendo la farina dal bordo interno del cratere, piano piano aggiungete tutta la farina. Quando l’impasto comincerà ad essere consistente continuate a mano fino ad ottenere una pasta soda e liscia. Avvolgetela in un foglio di pellicola alimentare e fate riposare per almeno 30 minuti .

Stendete la pasta con un mattarello o con la macchina per tirare la pasta, fino ad uno spessore di un paio di millimetri, quindi tagliate le tagliatelle della larghezza che preferite.

Cuocete in acqua bollente saltata per 3 minuti e condite con del burro fuso in cui avrete tritato le erbe aromatiche, finite con una spolverata di parmigiano reggiano se vi piace .

Se poi oltre a una sorella che ti porta le ortiche, hai un’amica che ti porta le uova fresche del contadino cosa vuoi fare se non della buonissima pasta fresca ?

 

Tajine di verdure con cous cous piccante

Ultimamente casa nostra si sta trasformando in un bistrot aperto a tutte le ore.

I vari impegni della nostra famiglia ci stanno facendo cambiare le abitudini e gli orari.

Giulia al rush finale della scuola spesso arriva tardi perchè si ferma a scuola per studiare con le compagne, io ( per fortuna) ho qualche occasione di vedere le amiche e qualche evento legato al bolg a cui partecipare e mio marito si ritrova a pranzare da solo . No, nessun ” ohh, poverino”, lui recupera la sera che tra allenamenti , partite e fisioterapia non ha mai un orario decente.

Quindi, per far fronte a tutto questo mi viene incontro il mio fantastico Fresco di Irinox.

Per chi non sapesse cos’è è un abbattitore per uso domestico, ma non serve solo ad abbattere le temperature o congelare in modo fantastico, serve anche a tenere in caldo il vostro pranzo.

Con la funzione Piatto pronto  Fresco  conserva il vostro piatto a + 3° come se fosse in frigo per poi scaldarlo a 65°  in tempo per essere caldo al punto giusto per l’ora di pranzo programmata da voi, ma se trovate traffico , nessun problema, Fresco tiene il vostro piatto in caldo a 60° senza rovinarlo o sovracuocerlo e rovinarlo.

Cosa c’è di meglio di far trovare il piatto pronto e caldo a vostro marito mentre voi siete fuori ? Altro che panini, con questo sistema potrete avere una cucina sana proprio come piace a noi.

Oggi , ad esempio, mio marito arriverà tardi e io gli ho preparato una ricetta di  tajine di verdure con un couscous piccantino, come piace a lui e la cena sarà pronta e calda per il suo arrivo a casa.

Print Recipe
Tajine di verdure con cous cous piccante
Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 50 minuti
Porzioni
porzioni
Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 50 minuti
Porzioni
porzioni
Istruzioni
  1. Mettete una tajine sul fuoco medio , mettete 2 cucchiai di olio . Tagliate le verdure a pezzetti grandi non più di una noce e i cipollotti a fettine . Sgocciolate i ceci dall'acqua di conservazione. Tagliate i datteri a quarti. Mettete tutte le verdure, i ceci , i datteri, le spezie e il brodo nel tajine su un fuoco medio basso. Aggiungete del timo fresco, un pizzico di sale e un pizzico di peperoncino. Coprite e fate cuocete per circa 50 min. Controllate la cottura . Per il cous cous mettete una padella sul fuoco con 2 cucchiai d'olio e 2 peperoncini piccanti o una spolverata di quello in povlere. Mettete il cous cous, fatelo insaporire nell'olio, poi versare l'acqua calda fino a coprirlo. Togliete dal fuoco, coprite e fate riposare per almeno 10 minuti. Mescolate con una forchetta per sgranare bene il couscous. Servite nella tajine con del cous cous piccante ( o no se preferite) a parte.
Condividi questa Ricetta
 

Io in questa ricetta non ho messo l’aglio che ci starebbe bene ma a noi piace poco e  voi potete variare aggiungendo le verdure che più vi piacciono, come i peperoni, le patate  o le olive. Invece dei datteri potete usare albicocche secche o prugne secche come nella tradizione.

Ottimo anche se avete amici vegani o vegetariani a cena, un piatto completo e gustoso anche grazie alle spezie.

In collaborazione con Fresco Irinox

Bagel integrali per Re-cake

In questo periodo arrivo sempre a fare le cose in zona cesarini e per non smentirmi anche per Re-cake arrivo all’ultimo giorno di gara.

bagel salmone-1

Dopo l’incidente di mio marito, adesso sono alle prese con un operazione ai legamenti crociati del mio cagnolone e il parto della mia cagnolona, quindi il mio tempo libero è sempre meno, ma io amo i bagel e non potevo non provare questa ricetta.

bagel alto-1

Ho fatto i bagel con farina intergrale con un po’ di sospetto sulla consistenza, invece mi sono ricreduta, sono morbidi e molto gustosi, per nulla asciutti.

bagel giulia-1

bagel farcitura-1

bagel farcitura germogli-1

 

5.0 from 1 reviews
Bagel integrali per Re-cake
 
Prep time
Tempo di cottura
tempo totale
 
Morbidi panini integrali da farcire
Author:
Recipe type: pane
Cuisine: internazionale
Porzioni: 6
Ingredienti
  • Per i Bagel:
  • 400g Farina Integrale
  • 50 g di Farina tipo pane 0 o manitoba
  • 2 cucchiaini di Lievito di birra secco o 10 g di lievito di birra fresco
  • 1 cucchiaio di Zucchero semolato
  • 1 cucchiaino di Sale
  • 280-300 ml di Acqua tiepida (la quantità dipende dal tipo di farina...)
  • Per la copertura :
  • 1 Tuorlo
  • Semi di Sesamo o Papavero o misti
  • Per la farcitura:
  • Tomino fresco
  • salmone affumicato
  • zucchine grigliate
  • melanzane grigliate
  • germogli di bietola rossa
  • valeriana
  • olio, sale, pepe, aceto,
  • cetriolini sott'aceto tritati fini
  • prezzemolo tritato per le verdure grigliate
Spiegazione
  1. Versare la farina in una ciotola (non setacciare la farina integrale!), aggiungere lo zucchero, il lievito e il sale, a poco a poco versando acqua tiepida, ma non calda, cominciare ad impastare.
  2. Quando l'impasto sarà omogeneo e sodo, metterlo in una ciotola leggermente unta d'olio, coprirlo con pellicola e lasciarlo in un luogo caldo a lievitare per 1 ora e mezza circa.
  3. Togliere l'impasto dalla ciotola, spolverare con farina il piano di lavoro, stendere l'impasto con un mattarellp e dividerlo in 6 parti, da ciascuna di esse formare una pallina, leggermente schiacciata (con un diametro di 7-10 cm). Mettere ogni pallina su una teglia foderata con carta da forno.
  4. Creare un buco al centro aiutandosi con un bicchiere e allargando il buco tirando verso l'esterno con un dito, coprire con un panno e far lievitare in un luogo caldo per 30 minuti.
  5. Riempire una pentola capiente di acqua, aggiungere un cucchiaio di zucchero, quando l'acqua inizia a bollire mettere i bagel e bollire per un minuto su ogni lato, quando sono pronti scolarli e metterli su una griglia ad asciugare (ci si può aiutare tamponando con un tovagliolo di carta).
  6. Scaldare il forno a 200 °C.
  7. Spennellare la superficie dei bagel con il tuorlo e cospargere con semi di sesamo o papavero, cuocere per 15-18 minuti fino a doratura.
  8. Sfornare e lasciar raffreddare su una griglia da cucina.
  9. Per la farcitura al salmone:
  10. Tagliate a metà il bagel
  11. Spalmate un abbondante strato di formaggio su entrambi le parti del bagel,mettete una cucchiaiata di cetriolini, appoggiate 2 belle fette di salmone affumicato, della valeriana fresca e chiudete pressando leggermente.
  12. Per la farcitura vegetariana:
  13. Condite le verdure grigliate con una vingrette fatta con olio, aceto, sale, pepe e prezzemolo tritato e fatele riposare 10 minuti almeno.
  14. Tagliate i bagel, spalmate i due lati di formaggio, poi fate uno strato di melanzane, uno di zucchine, mettete una manciata di germogli di bietola e chiudete il panino.

bagel vegetariano-1

Come farciture ho scelto 2 ripieni simili, lo stesso tomino come formaggio di base, ma un ripieno vegetariano con verdure grigliate e germogli di barbabietola e uno di pesce con salmone affumicato, cetriolini e valeriana ( il mio preferito).

bagel-1

Ho voluto anche variare i semi a copertura dei bagel così da soddisfare i gusti di tutta la famiglia.

Con questa ricetta partecipo a Re-cake del mese di febbraio.

recake11 feb16

Insalata mimosa , la mia versione per #noicheeseamo

Anche quest’anno i formaggi svizzeri e il blog Peperoni e patate   ci
propongono un contest con 2 prodotti eccellenti il Gruyère e l’
Emmentaler e il tema era rielaborare 2 ricette “del cuore” , 2
ricette a cui siamo affezionati .
Ci sono delle ricette che non seguono
la moda del momento , ma che si ripropongono sempre nei grandi pranzi
perchè hanno un qualcosa di speciale, perchè fanno parte delle
tradizioni di una famiglia. Da noi una di queste ricette è la mimosa
, non so se sia il nome esatto perchè è una ricetta che ci
preparava una nostra conoscente e lei la chiamava così . In effetti
potrebbe essere un piatto unico vista la ricchezza , ma nelle grandi
occasioni noi lo serviamo tra gli antipasti. Non c’è Natale o pranzo
di Pasqua senza la mimosa.
Questa semplice insalata di verdure
cotte si arricchisce con del tonno, delle uova e dell’ Emmentaler
Vi ricordate che l’ Emmentaler è il
formaggio con i buchi ? Ne abbiamo già parlato qui . Un formaggio
dal gusto dolce ,nella versione classica, che si presta ad essere
consumato sia crudo che cotto. Ma forse non sapete che ci sono
diversi gradi di stagionatura :«Classic» dal gusto dolce che
ricorda la noce (stagionato almeno 4 mesi), «Reserve» con forti
sentori speziati (stagionato almeno 8 mesi), «Grotta» dal gusto
pieno e vigoroso (stagionato almeno 12 mesi in grotta).

Per 4 persone :
2 patate grandi
4 carote
3 uova
120 g tonno sott’olio  ( volendo potete anche aumentarlo un po’ )
250 g Emmentaler
150 g maionese

Pelate le patate e le carote ,
lessatele in acqua salata finchè saranno tenere ma non troppo molli,
scolatele e fatele raffreddare.
Rassodate le uova .
Tagliate sia le verdure che
l’emmentaler a filetti con la grattugia a fori grandi ( quella da
rosti ).
Sbriciolate il tonno ,ben sgocciolato
dall’olio , con una forchetta .
Pelate le uova sode e dividete i tuorli
dagli albumi e passate anche gli albumi alla grattugia.
Tenete da parte i tuorli sodi.
A questo punto assemblate l’insalata o
in una terrina o in coppa-pasta per delle monoporzioni se volete un
impiattamento più elegante .
Dovrete formare degli strati di verdure
e formaggio ma intervallati da un pochino di maionese, quindi partite
con le patate , poi un cucchiaio di maionese, poi le carote , il
tonno, le patate , la maionese , gli albumi, le carote , l’Emmentaler
e così avanti fino alla fine degli ingredienti.
Per ultimi a finire mettete i tuorli
sodi grattugiati con una grattugia fine .
Tenere in frigo fino a poco prima di
servire.

Con questa ricetta partecipo al concorso #noicheeseamo di Peperoni e patate e Formaggi svizzeri

Strudel salato di fagiolini

Le previsioni ci prospettano una settimana di caldo africano e io cosa faccio? Accendo il forno ! (Si, ma poi esco in giardino).
Cenare all’aperto, in giardino è uno di quei privilegi che hai quando abiti fuori dalle città ( mi sembra di essere Csaba) e questa sera ho pensato di fare uno strudel salato, da servire tiepido, accompagnato da una bella e ricca insalata mista, così potrò godermi il fresco della sera e non dovrò stare vicino ai fornelli .
Potete anche usarlo per un’aperitivo, tagliato a cubetti e servito con un buon prosecco ghiacciato.

Strudel salato
1 rotolo di pasta sfoglia ( quella rettangolare sarà più comoda)
250 gr ricotta fresca
   2 uova
200 gr fagiolini lessati
    3 cucchiai di parmigiano grattugiato
    sale, pepe, noce moscata
    burro

Per prima cosa fate insaporire i fagiolini con un po’ di burro, sale e pepe facendoli saltare qualche minuto in una padella.Poi fate raffreddare, altrimenti la sfoglia e il ripieno ne soffriranno.
In una ciotola mescolate la ricotta con le uova,il formaggio, sale , pepe e abbondante noce moscata.
Stendete la sfoglia immaginate di dividerla in 3 parti e ricoprite il terzo centrale della sfoglia con metà del composto di ricotta, poi metteteci sopra i fagiolini ormai freddi e la seconda metà del composto.
Piegate i due lembi di pasta liberi a libro sul composto.
Sigillate bene i lati corti e cuocete a 200° per 40 minuti, finché sarà bello dorato in superficie.

Sformatini di asparagi di Cantello con salsa al parmigiano reggiano

Una delle eccellenze della mia zona sono gli asparagi bianchi di Cantello, piccolo paese al confine con la Svizzera.
Dal 1939 , nel mese di Maggio si tiene la sagra dell’asparago, dove li si possono degustare in tantissimi modi  e dal 2012 queste meraviglie hanno ottenuto la De.Co. denominazione comunale di origine.

I modi di gustarli sono tanti ma oggi ho voluto prepararli così, uno sformatino e una crema delicata al parmigiano reggiano, un ‘ottimo antipasto caldo o un secondo se fate delle dosi un po’ più grandi.
La ricetta sempre complessa, ma in effetti si tratta di fare una besciamella che poi servirà per tutto.

Besciamella
500 ml latte
  50 gr burro
  50 gr farina
      sale
      noce moscata
 Fate sciogliere il burro, aggiungete la farina , mescolate bene, aggiungete il latte freddo, sempre mescolando portate ad ebollizione, fate cuocere per qualche minuto finché diventerà una crema densa.
Aggiungere sale( non troppo, poi dovrete aggiungere anche il formaggio) e un po’ di noce moscata.
Cuocete gli asparagi, io li ho puliti, tagliati a pezzi di circa 3cm e messi in una padella con un soffritto di burro e cipolla.Dopo qualche minuto aggiungete un po’ d’acqua e portate a cottura finché saranno teneri (ai miei ,che erano molto freschi sono bastati 10 minuti).

Sformatini
1/2 dose besciamella
1 mazzo di asparagi
1 uovo
Adesso dividete in due la besciamella,mettete una parte in un contenitore con gli asparagi e frullate il tutto ( se avete un frullatore ad immersione è comodissimo), aggiungete un uovo e regolate di sale .
Mettete il composto in pirofile monoporzione ( vanno bene anche quelle in alluminio usa e getta)ben imburrate e infarinate. Poggiatele in una pirofila e cuocete a bagnomaria in forno a 180° per 25 minuti.

Salsa al formaggio
1/2 dose besciamella
100 gr  parmigiano reggiano grattugiato
Nel frattempo prendete la seconda parte della besciamella, mettetela in un pentolino e aggiungete il parmigiano grattugiato, un po’ di noce moscata, controllate il sale e fate sciogliere bene il formaggio( anche qui se volete potete usare il mixer ad immersione).

Quando gli sformatini sono cotti, rovesciateli su un piatto e serviteli coperti della crema al formaggio ben calda.