Browsing Category

Ricette

Tagliolini funghi e speck

Se c’è una cosa che proprio mi piace fare è la pasta fresca. Tagliolini, tagliatelle, pappardelle, maltagliati, ravioli, tortellini e chi più ne ha più ne metta. Basta un po’ di farina e qualche uovo per poter fare di tutto. La ricetta base che mi ha insegnato la mia mamma è 100 g di farina bianca per 1 uovo medio. Con questa pasta potete fare sia la pasta ripiena, come questi ravioli di zucca o della pasta sfoglia come questa.

taglioni freschi

Per San Valentino ho pensato di preparare un piatto che mi piace tantissimo, dei tagliolini con funghi trifolati e speck. Per questo mi sono affidata all’azienda agricola Al Berlinghetto che come sapete produce salumi in modo artigianale, senza glutine e senza lattosio.

speck al berlinghetto

Lo speck   dell’azienda Al Berlinghetto è preparato con la spalla anziché la coscia, perché nella spalla sono presenti più marezzature ( all’interno del muscolo ) che regalano il gusto inconfondibile e rendono la fetta meno asciutta.

Per questa ricetta dunque ci serviranno dei tagliolini fatti con 200 g di farina 00 e 2 uova medie .

tagliolini sulle mani

Preparate la pasta  facendo una fontana con la farina su una spianatoia , rompete al centro le uova e cominciate ad impastare incorporando poco per volta la farina dal
bordo del cratere , via via verso l’interno . Impastate bene la pasta e quando avrete
ottenuto una bella palla , copritela con una ciotola e lasciatela
riposare 30 minuti.

Per il condimento invece vi serviranno:

circa 150/200 g di funghi, vanno bene sia tutti porcini che misti

5 fette di speck alto circa 2mm da cui ricaverete delle strisce sottili

olio

burro

prezzemolo tritato

timo fresco

Intanto preparate il sugo . Pulite i funghi e tagliateli a fette , tagliate lo speck a striscioline e tenete da parte.

In una larga padella (vi servirà poi per far saltare la pasta ),fate saltare i funghi con 3-4 cucchiai di olio e 1 noce di burro , non devono diventare troppo molli , ma rimanere ben sodi. Regolate di sale , pepe e aggiungete del timo fresco se l’avete . Tirate la pasta in strisce sottili (se
usate la macchina per la sfoglia usatela fino alla penultima tacca ) ,poi tagliate dei tagliolini larghi 3 mm circa , passateli nella semola e fatene due nidi da circa 140 g ognuno.

Mettete sul fuoco una capace pentola con acqua salata , quando l’acqua bolle è il momento di riaccendete il fuoco sotto la pentola dei funghi e unite lo speck ai funghi .

Ora lessate la pasta e cuocetela 2-3 minuti , scolatela e mettetela nella padella con i funghi e lo speck , fate saltare un momento la pasta , unite del prezzemolo
tritato se vi piace, un paio di noci di burro per ammorbidire il sugo e servite .

forchetta e tagliolini

Potete servire in 2 piatti singoli o come ci insegna il Vagabondo alla conquista di Lilly in un solo piatto con due forchette visto che è San Valentino.

tagliolini speck e funghi

Pan d’arancia _ orange cake

PP pan d'arancia

Conoscevo il pan d’arancia come dolce della tradizione siciliana ma non so se sia vero. L’ho sempre fatto perche si mette tutto nel mixer, non si sporca nulla e il risultato è una torta semplice ma piena di gusto.

Si usano arance bio e con buccia edibile perchè va usata un’arancia intera, si prorpio intera ( senza i nocciolini ovviamente). Poche mosse e la torta è in forno.

PP pan d'arancia

Ottima sia per la colazione che per il tè, ma anche come dessert accompagnata da crema pasticcera .

Zucchero a velo su pan d'arancia

Ultimamente poi ho visto in diversi gruppi Facebook questo dolce diventare un “tormentone” , ma vi assicuro che va provata. Se, come me usate il bimby è perfetto, altrimenti vi servirà un buon mixer per impastare tutto, se proprio non avete nulla, spero abbiate almeno un frullatore in cui frullare arancia e zucchero, poi il resto lo impasterete a mano .

Pan d'arancia

Print Recipe
Serves: 8 Cooking Time: 50 min

Ingredients

  • 1 arancia bio grande o 2 piccole
  • 310 g zucchero
  • 3 uova medie intere
  • 240 g farina 00
  • 60 g amido di mais ( se non l'avete usate tutta farina00)
  • 80 g latte intero
  • 60 g olio di girasole ( o altro olio di semi delicato )
  • 1 bustina di lievito per torte

Instructions

1

Per il Bimby :

2

Accendete il forno a 180°

3

Frullate l'arancia a pezzi, a cui avrete tolto i semi , con lo zucchero per 20 secondi a velocità 5.

4

Unite il resto degli ingredienti e lavorate per 25 secondi a velocità 5

5

Imburrate una tortiera da 24 cm , versate il composto e cuocete per 50 minuti circa, controllate con uno stecchino la cottura.

6

Fate raffreddare bene prima di sformarla . Potete spolverizzarla con zucchero a velo o spennellarla con della marmellata d'arance passata al setaccio.

7

Se usate un mixer fate gli stessi passaggi usando la velocità massima e riportando il composto sul fondo ogni tanto con una spatola.

Notes

Potete usare tutta farina 00, non cambierà molto. Se usate la marmellata per spennellare la torta vi suggerisco di passarla in un colino per togliere i pezzi che non renderebbero gradevole la vista. Se usate un'arancia con una scorza molto spessa potete togliere un po' della parte bianca per non avere il sapore amaro troppo marcato. Se usate uno stampo a ciambella alto, abbassate un po' la temperatura (170°) per farla cuocere bene.

Se come me ne volete fare anche una versione monoporzione potete servirla su delle piccole alzatine , non sono eleganti ? Queste sono di Pavonidea

Gaufre de Liège

Gaufre de liège

Dopo una lunga pausa torno a scrivere sul blog, torno con una ricetta che è tanto tempo che volevo fare le gaufre de Liège. Prima non ho potuto perchè non trovavo lo zucchero perlato, indispensabile per il perfetto risultato, poi perchè per casa giravano già troppi dolci natalizi, ora finalmente è arrivato il momento giusto.

Gaufre de liège

Le gaufre de Liège sono tipo i waffle ma il loro impasto viene fatto con il lievito di birra e questo aiuta ad avere una gaufre croccante fuori ma morbida all’interno e all’ultimo viene aggiunto lo zucchero perlato, che non si scioglie all’interno, lasciando delle piccole pepeite dolci.

Per tutta la lavorazione ci vuole un pochino più di 1 ora , quindi calcolate bene i tempi.

Gaufres de Liège

Print Recipe
Serves: 6-7 pezzi Cooking Time: 3 min per gaufre

Ingredients

  • Per 6-7 gaufre:
  • 250 g farina 0 o 00
  • 110 g latte
  • 5 g lievito di birra fresco o 2 g liofilizzato
  • 1 uovo
  • 10 g zucchero semolato
  • 1 pizzico di sale
  • 140 g burro morbido ma non liquido
  • 100 g zucchero perlato ( non è lo zucchero granella ).

Instructions

1

Cominciate impastando la farina con il latte in cui avrete sciolto il lievito di birra, poi unite l'uovo intero, i 10 g di zucchero semolato, il sale, Impastate finchè avrete un composto appiccicoso ma non duro. Se usate una planetaria , che vi aiuterà nel lavoro usate la foglia.

2

A questo punto unite il burro e fate andare finchè sarà incorporato al composto e avrete un impasto liscio. Fate lievitare per almeno 40 min al caldo.

3

A questo punto aggiungete lo zucchero perlato, se usate l'impastatrice con velocità al minimo .

4

Rovesciate il composto su un piano infarinato e finite di impastare a mano, in modo da mescolare bene lo zucchero. Tagliate dei pezzi da circa 100 g , dategli la forma di una pallina ( l'impasto è appiccicoso, quindi la forma sarà approssimativa ) .

5

Scaldate la piastra da waffle e cuocete un pezzo per volta ( io ho una piastra piccola, ma se la vostra è grande anche 2 pezzi per volta ) per circa 3 minuti . Dovranno essere ben coloriti. Usate delle pinze o una forchetta per aiutarvi a toglierli e continuate con gli altri.

6

Potete servirli come preferite, solo con zucchero velo, con marmellata o frutta fresca.

Dovete fare molta attenzione anche a quando toglierete le gaufres dallo stampo, lo zucchero perlato all’esterno sarà alla temperatura del caramello e potreste ustionarvi se usate le mani ( lo dico per esperienza personale ).

gaufre aperti e chiusi

La cotognata

Cotognata

La cotognata è un dolce che io associo al mio papà. Ne era goloso e spesso raccontava che quando era piccolo ( era nato nel 1923 ) non si mangiavano tanti dolci come oggi, qualche torta per le occasioni speciali, i dolci fatti dalla mamma ( ma non nel caso di mia nonna) e quando si poteva si comprava la cotognata, una via di mezzo tra una caramella e un dolce .

Cubetti cotognata in vetrina

Continue Reading…

Pandoro con crema diplomatica al mandarino

 

Ci siamo, ormai il profumo del Natale è nell’aria. Le città cominciano a vestirsi di luci, le vetrine mettono in bella vista le idee migliori per i regali, si preparano le liste con i nomi delle persone care cui vogliamo fare un presente e nei negozi alimentari compaiono i primi panettoni e pandori.

Continue Reading…

Il mio piccolo montblanc

montblanc

Quest’anno la mia pianta di castagne, complice il clima, penso, mi sta regalando tantissime belle castagne. Ho già cominciato a fare i marron glacè, poi ho voluto provare a metterne alcuni sotto vetro,  canditi con lo sciroppo  ( vi dirò come sono venuti ) , altri congelati pronti per i prossimi mesi ma ne ho ancora parecchi.

Riccio

Domenica allora ho voluto provare a fare il Montblanc, un dolce ormai quasi scomparso nella sua ricetta originale. Lo si trova fatto con i marron glacè o varianti più sbrigative, ma io ho voluto provare a farlo seguendo una vecchia ricetta.

La parte noiosa di tutte le preparazioni con le castagne è doverle pelare, ma in questo caso non bisogna stare attenti a non romperle, quindi è tutto più facile.

Cesto castagne

La ricetta originale prevede l’uso delle meringhe per decorazione ma io ho voluto usarle per una base, così da poter fare delle monoporzioni che sono decisamente più carine da servire visto che questo dolce è da servire con un cucchiaio e inevitabilmente si disferà.

La decorazione finale potrà essere fatta con un marron glacè o con un bel ciuffo di panna montata leggermente zuccherata.

montblanc mg

montblanc
 
Prep time
Tempo di cottura
tempo totale
 
Author:
Recipe type: Dolce alcucchiaio
Porzioni: 6-8
Ingredienti
  • 800 g castagne sbucciate secondo le spiegazioni della ricetta
  • 500 g latte intero
  • 80 g zucchero
  • 1 bacca di vaniglia o 1 cucchiaino estratto di vaniglia
  • Opzionali :
  • 1 cucchiaino di cacao
  • ½ bicchierino di rum
  • Per decorare :
  • 200 ml panna montata
  • meringhe
Spiegazione
  1. Per pelare le castagne facilmente incidetele poi mettetele a bollire in acqua leggermente salata per 10 minuti, poi prendetene 3-4 per volta , lasciando le altre nell'acqua calda e pelatele.
  2. Quando le avrete pulite tutte mettetele in una pentola con il latte , lo zucchero, la stecca di vaniglia o l'estratto.
  3. Cuocetele per circa 30-40 minuti mescolando ogni tanto , finchè saranno morbide.
  4. Passatele ora al passaverdura fine o con un mixer ad immersione .
  5. Aggiungete a vostro gusto il cacao e il liquore. Io ho aggiunto solo 3 cucchiai di liquore al cioccolato.
  6. Fate raffreddare .
  7. Per comporre il dolce mettete l'impasto in una siringa per dolci con la bocchetta con i buchi tipo spaghetti. Fate scendere i vermicelli su un piatto da portata o sulla base di meringa come ho fatto io. Decorate con panna montata e meringhe.

 

montblanc panna