Browsing Category

Lievitati salati

Il “Biove” delle sorelle Simili

Chi ama panificare non può non aver sentito parlare delle sorelle Simili. Due regine della panificazione, pochi fronzoli e tanto lavoro. Hanno cominciato a lavorare da giovanissime nel forno dei genitori a Bologna, poi nel 1986 hanno deciso di aprire una scuola di cucina che in poco tempo è diventata famosa in tutta Italia. Continue Reading…

Panini morbidi per hamburger

In questo periodo mi sto dedicando di più alla panificazione che alla pasticceria, burger buns, focaccia, pane, piadine, panini mi piacciono tutti e sto sperimentando ricette che trovo nei blog che seguo.

Panini morbidi per burger

Questa dei panini morbidi per hamburger la trovo perfetta, facile da fare, relativamente veloce e soprattutto molto, ma molto buona.

L’ho vista sul blog jernejkitchen.com, (blog che vi consiglio di visitare, ha ricette veramente ottime), l’ho provata e me ne sono innamorata subito.

Avevo già fatto dei panini per hamburger con la farina di canapa, che trovate qui, oppure ai multicereali, anche quelli molto buoni, ma questi sono perfetti sia per il salato che per il dolce.

Taglio dei panini
Panino per hamburger
Prep Time
15 min
Cook Time
15 min
Total Time
2 h 30 min
 
Course: Pane
Servings: 8
Author: Anna Bonera
Ingredients
  • 14 g lievito di birra fresco o 1 bustina secco
  • 40 g zucchero
  • 240 ml latte tiepido
  • 50 g acqua
  • 75 g burro morbido
  • 450 g farina 00
  • 10 g sale
  • 1 uovo per spennellare
  • semi di sesamo per decorare
Instructions
  1. Se usate il lievito disidratato attivatelo mettendo in una ciotola il latte tiepido con 50 ml di acqua, il lievito e lo zucchero. Mescolate e fate riposare per 10 minuti.

    In una ciotola o nell'impastatrice mettete la farina, il sale, mescolateli , poi aggiungete la misura di lievito. Impastate bene fino ad avere un pasta liscia ( con l'impastatrice ci vorranno 3-4 minuti ).

    Ora aggiungete il burro morbido e impastate finchè sarà completamente incorporato.

    Rovesciate l'impasto su un piano e lavorate a mano per qualche minuto.

    Mettete in una ciotola, coprite e fate lievitare per 1 ora o finchè non sarà raddoppiato.

    Versatelo ora su un piano ben infarinato, dategli una forma rotonda alta 2-3 cm e quindi tagliatela in 8 fette. Da ogni fetta ricavate una pallina.

    Mettete le palline su una teglia con carta forno e spennellatele con l'uovo sbattuto. Fate lievitare 50-60 minuti.

    Intanto accendete il forno a 200° .

    Quando saranno lievitati , spennellateli ancora con l'uovo e mettete i semi.

    L'ideale sarebbe mettere un pentolino con 1 bicchiere d'acqua nel forno o creare del vapore subito prima di infornare. ( io uso una vecchia teglia)

    Cuocete a 190° per 15 minuti con il pentolino d'acqua, poi toglietelo e finite la cottura per altri 10 minuti.

    Fate raffreddare su una griglia.

Ho fatto dei panini da circa 80 g, ma sinceramente non li ho pesati, ho steso la pasta in forma rotonda con le mani e poi tagliata in 8 spicchi .

Panini morbidi gruppo

La colorazione scura è normale, non sono troppo cotti. Sopra potete mettere i semi che volete o anche lasciarli senza, dipende da che uso volete farne.

Io li ho provati così, uno dei miei prefetiti, salmone, formaggio morbido, qualche goccia di limone e insalatina

Pizza con burratina

Sono sicura che potrei vivera a pizza, la amo in tutte le sue versioni, alta , bassa, alla pala , in teglia, bianca, con pomodoro , sarà per questo che ogni occasione è buona per farla e per provare nuovi accostamenti.

Se poi ti danno delle farine da provare vuoi non farci una pizza ?  Queste farine sono buonissime, la lievitazione viene che è una meraviglia ( anche troppo forse, ho fatto un cornicione che era pazzesco) e il gusto buonissimo. Avendo trovato un negozio che fa arrivare dal salento delle burratine stupende ho pensato che questo abbinamento era perfetto.

Una pizza con una lievitazione lenta ma che merita l’attesa fatta seguendo gli insegnamenti di Adriano Continisio.

Pizza con burratina

per 2 pizze grandi :

300 g Farina con miscela cereali Perteghella

200 g farina Bella Napoli Perteghella

350/370 g acqua

15 g sale

2 g lievito secco

30 g olio

1 cucchiaino malto d’orzo

1 cucchiaio di semolino

250 g passata di pomodoro

20 olive rosatelle

1 cucchiaio capperi di Pantelleria

1 cucchiaio d’origano siciliano

2 burrate piccole pugliesi

1 pizzico di sale

5-6 fette di prosciutto crudo di San Daniele

Preparare un lievitino con metà delle farine (250 g ) , 250 g d’acqua presa dal totale, il lievito e il malto. Mescolare velocemente, coprire e far lievitare per un paio d’ore o fino a quando sarà ben gonfio.

Nella ciotola della planetaria, con il gancio a foglia, mettere la rimanente farina, il lievitino e il resto dell’acqua poco per volta fino a che l’impasto cominci ad incordare. Aggiungere il sale e l’olio a filo senza perdere l’incordatura.

Dopo aver inserito tutto l’olio montare il gancio e impastare ancora per qualche minuto finchè l’impasto si aggrapperà al gancio.

Mettere l’impasto in una ciotola unta leggermente e fare lievitare per 30 minuti, poi mettete in frigorifero per 4 ore almeno .

Riportate a temperatura ambiente.

Dividete l’impasto in 2 parti, formare delle palle dando un giro di pieghe senza schiacciarlo troppo.

Far riposare ancora 30 minuti.

Su un piano ben infarinato poggiare la pasta, schiacciatela leggermente con il palmo della mano, poi con la punta delle dita, partendo dal centro schiacciare l’impasto allargandolo fino alla misura desiderata.

Mettere su una teglia cosparsa di semolino, coprire l’impasto con passata di pomodoro condita con sale e origano, mettere qualche oliva e un po’ di capperi.

Passare in forno a 220° nella parte più bassa finchè il bordo si gonfia e prende colore.

Appena la pizza è ben cotta toglierla dal forno e condirla subito con del prosciutto crudo e una piccola burrata fresca al centro.

Servire subito.

Focaccia di Gennaro Contaldo

Chi conosce Jamie Oliver, conosce Gennaro Contaldo.

Gennaro Contaldo è stato il suo mentore, uno dei primi cuochi che ha formato Jamie e che l’ha avvicinato alla cucina italiana.

Ancora oggi cucinano insieme e sembrano veramente due vecchi amici che amano cucinare per piacere.

Questa focaccia potrebbe far inorridire chi pensa che le focacce devono essere fatte con 24 ore di lievitazione, con farine macinate a pietra e solo da presidi slowfood.

Io penso che una buona focaccia possa anche essere fatta in una mattina, con la farina del supermercato e se per questo sarò criticata , pazienza.

Print Recipe
Focaccia di Gennaro Contaldo
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 20
Tempo Passivo 85 minuti
Porzioni
persone
Ingredienti
Per finire
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 20
Tempo Passivo 85 minuti
Porzioni
persone
Ingredienti
Per finire
Istruzioni
  1. In una ciotola o in una planetaria impastate la farina, con l'acqua, il lievito, lo zucchero, l'olio, per ultimo aggoiungete il sale e continuate ad impastare fino ad ottenere una pasta morbida ma elastica. Se usate una planetaria impastate fino a quando l'impasto si attaccherà al gancio, ci vorranno circa 10 minuti . Coprite e fate lievitae per 40 minuti circa il un luogo tiepido. Dopo la prima lievitazione stendete la pasta su tagliere infarinato e allargatela delicatamente con le mani, prendendola da sotto. Spolverate bene una teglia con il semolino, appoggiate la pasta nella teglia e con la punta delle dita, sistematela bene . Coprite e fate lievitare ancora per 45 minuti, intanto accendete il forno a 200°. Quando sarà lievitata fate dei buchi con la punta delle dita ( ungetevi bene le mani), mescolate acqua, olio e spargetelo sulla focaccia, cospargete il sale grosso e infornate per 20 minuti circa. Servite tiepida o fredda.
Condividi questa Ricetta
 

A noi questa focaccia è piaciuta molto, tanto che la facciamo spesso , anche da usare al posto del pane quotidiano.

Un trucco che ho imparato da Gennaro è quello di usare il semolino( quello per fare i gnocchi alla romana) per spolverare abbondantemente la teglia di cottura della focaccia invece di ungerla.

Il fondo rimarrà bello croccante e non unto.

Allo stesso impasto potete aggiungere olive o pomodorini per variare il gusto .