Browsing Tag:

Formaggio

Mini quiche breakfast style

Eccoci nella stagione dei picnic, dei pranzi all’aperto , degli inviti tra amici, delle domeniche pigre, degli aperitivi in terrazza.

Non so voi ma io amo i finger food , le torte salate monoporzione ( forse l’avevate già capito), tutto quei cibi  che mi danno  la possibilità di assaggiare più cose diverse.

La cosa che amo di più delle vacanze, sopprattutto all’estero sono le colazioni esagerate, quelle che a casa non farei mai, ma che in vacanza non mi faccio mai mancare, magari poi salto il pranzo ma la colazione non si salta mai.

La ricetta di oggi si rifà al breakfast tradizionale, quello con pancetta e uova, sono delle mini quiche con tutti i sapori dell’english breakfast.

Per questa ricetta ho usato il mio stampo  per biscotti  di Le Creuset che oltre a darmi la sicurezza dell’antiaderenza e quindi di sformare delle tartellette perfette ha anche una forma particolare, non molto profonda e più larga rispetto a una teglia da muffin, così tutti i miei ingredienti saranno ben disposti e l’uovo avrà il suo spazio al centro.

Print Recipe
Mini quiche breakfast style
Tempo di preparazione 30 minuti
Tempo di cottura 25-30
Porzioni
Ingredienti
Per la pasta brisée
Tempo di preparazione 30 minuti
Tempo di cottura 25-30
Porzioni
Ingredienti
Per la pasta brisée
Istruzioni
Pasta brisée
  1. Per la pasta brisée la cosa migliore è prepararla in un mixer, si eviterà di scaldare la pasta e in 1 minuto sarà pronta. Mettete in un mixer la farina, il burro, il sale e azionate, poi poco per volta aggiungete l'acqua. Fate amndare per 1 minuto , finchè la pasta avrà un aspetto liscio e ben amalgamato. Avvolgetela in un foglio di pellicola e mettete in frigo per almeno 30 minuti. Stendete la pasta ad uno spessore di 3mm circa, tagliate dei cerchi un po' più grandi della misura dei vostri stampi e foderate tutte le cavità dello stampo. Bucherellate per bene con una forchetta il fondo e cuocete a 190° per 15 min .Non dovranno essere completamente cotte, quindi non esagerate con il tempo. Togliete dal forno e fate intiepidire.
Ripieno
  1. Tagliate la pancetta a pezzetti piccoli e fatela saltare in padella senza condimento finchè sarà lucida, poi distribuitela nelle tartellette di pasta semi-cotte. In un bricco mesolate la panna , il formagio, il sale , una bella macinata di pepe e l'erba cipollina tagliata fine. Dividete la crema tra tutte le tartellette. Per ultimo rompete un uovo di quaglia per volta su un cucchiaio e con delicatezza appoggiatelo sulle tartellette. Infornate per 10-15 minuti a 190° o finchè le uova cominciano a cuocere. Servite caldi o tiepidi.
Condividi questa Ricetta
 

Con una tazza di caffè lungo saranno pefetti per la colazione, con un bicchiere di vino bianco ottimi per l’aperitivo.

Se volte potete aggiungere un tocco piccante aggiungendo un pizzico di peperoncino alla pasta o dei peperoncini al ripieno.

In collaborazione con

Biscottini al parmigiano reggiano

Vi capita mai di aver voglia di qualcosa di salato da sgranocchiare o di  volere qualcosa da accompagnare ad un aperitivo ma non avete nulla in casa ? A me sempre, quindi sto imparando a fare dei biscottini o degli snack veloci e facili da fare, pronti in pochi minuti.

Oggi ho provato a fare dei frollini al parmigiano reggiano, solo 3 ingredienti e fatti e cotti in 30 minuti.

Potete impastarli anche a mano ma se avete un mixer allora il vostro lavoro sarà ancora più semplice.

Print Recipe
Frollini salati al parmigiano reggiano
Tempo di preparazione 10 minuti
Tempo di cottura 15 minuti
Porzioni
frollini
Tempo di preparazione 10 minuti
Tempo di cottura 15 minuti
Porzioni
frollini
Istruzioni
  1. Se usate un mixer tritate per primo il parmigiano fine, poi unite il burro ben freddo a pezzetti, il peperoncino e la farina, Impastate bene fino ad ottenere una frolla soda. Se l'impasto fosse troppo asciutto ( dipende dal formaggio) aggiungete 1 cucchiaio o 2 di acqua ghiacciata al composto. Se invece volete impastare a mano mettete tutto in una ciotola e impastate velocemente per non scaldare la pasta. Ora potete formare i biscotti in 2 modi diversi: tagliandoli con un taglia pasta se volete una forma particolare o facendo un rotolo e tagliando delle fette se volete dei semplici dischi. Accendete il forno a 180°. Se volete tagliarli con un tagliapasta stendete l'impasto a 1/2 cm di spessore, copritelo con della pellicola e mettete in frigo a raffreddare mentre il forno si scalderà . Quando il forno sarà a temperatura prendete la pasta già stesa dal frigorifero, ritagliate le forme desiderate e appoggiatele su una teglia con carta forno. Cuocete per 15 minuti o fino ad avere una bella colorazione dorata. Fate raffreddare sulla teglia. Se volete fare più velocemente, formate un cilindro di circa 5 - 6 cm di diametro con la pasta, avvolgetelo nella pellicola e mettetelo in frigo. Quando il forno sarà caldo prendete il rotolo, tagliate delle fette di 1/2 cm di spessore e mettetele su una teglia con carta forno. Cuocete per 15 o fino ad avere un bel colore dorato. Se volete potete cospargere il rotolo con dei semi di sesamo prima di tagliare le fette .
Condividi questa Ricetta

Potete aggiungere all’impasto delle spezie o del prezzemolo o del timo fresco tritato.

 

Mini quiche salate spinaci e formaggio

Non so voi ma io adoro le torte salate. Mi piacciono tutte, di carne, di verdura, di formaggi. Mi piacce la crosta croccante che racchiude un ripieno morbido, un’esplosione di sapore in un solo boccone e la cosa che mi piace di più è che il lunedì posso svuotare il frigo da tutti i piccoli avanzi della domenica e preparare qualcosa di buono con poca fatica.

Già il lunedì non è un giorno piacevole, poi in frigo io trovo sempre qualcosa che avanza dai pasti più ricchi della domenica ma che non è mai sufficente per una porzione ( a casa mia poi il “è avanzato questo da ieri lo vuoi?” non va molto) ma se lo trasforno come fosse un piatto nuovo allora sparisce in un momento.

Se poi siete ancora più pigre di me potete usare una pasta brisè già pronta e il gioco è fatto in veramente 10 minuti.Ma se volete fare voi  la pasta brisè qui trovate la ricetta.

Se poi volete fare come me e preparare delle mono porzioni vi consiglio di usate uno stampo come il mio di Le Creuset, è stupendo, basso ma fondo a sufficienza per contenere il ripieno, antiaderente e grande abbastanza per fare tartellette per tutta la famiglia.

Print Recipe
Mini quiche salate spinaci e formaggio
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 25 minuti
Porzioni
mini quice
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 25 minuti
Porzioni
mini quice
Istruzioni
  1. Accendete il forno a 180° Ritagliate dalla pasta brisè dei dischi di 2 cm più grandi degli stampini e foderateli bucherellando il fondo con una forchetta. In una ciotola preparate la crema mescolando la panna, le uove, il parmigiano grattugiato, aggiungendo sale, pepe e noce moscata per insaporore. Nei gusci vuoti di pasta mettete un po' di spinaci, un bel pezzetto di crescenza e riempite con la crema fino al bordo della pasta. Infornate per 25 minuti o fino a quando la quiche comincerà a colorire. Aspettate qualche minuto prima di sformarle, servitele calde.
Recipe Notes

Potete variare la verdura, usare zucchine, asparagi, broccoli, carciofi, qualsiasi tipo di verdura cotta abbiate.

La crescenza può essere sostituita con un formaggio morbido di capra, una robiola o un gorgonzola dolce se vi piacciono i gusti più decisi.

Condividi questa Ricetta
 

Per questo lunedì ho usato degli spinaci già lessati, un pezzetto di morbida crescenza e la solita crema per amalgamare il tutto.

Potete usare la crema come base e unire tutto quello che avanza, ovviamente carne e verdure dovranno essere già cotte, altrimenti dovrete cuocere molto di più la vostra torta salata.

 

Un aperitivo a casa di Heidi

Questo mese la sfida del Mtchallenge ci porta in Spagna con Mai Esteve del blog  Il colore della curcuma, la vincitrice della sfida di settembre, che ci ha proposto come piatto della sfida le tapas. Per chi, come me, pensa che le tapas siano tutte quelle cosine sfiziose che ci portano in Spagna con l’aperitivo sappia che si in parte è vero, ma che ci sono tapas e tapas o meglio, ci sono tapas, pinchos e montadito. Piccole differenze per noi tra uno e l’altro, ma fondamentali per uno spagnolo.

tapas-1

Vi metto la precisa spiegazione di Mai:

1). le Tapas propriamente dette, che sono quelle che si mangiano seduti, in un piattino. Nella nostra gara vanno intese come piccole porzioni di un piatto intero: non qualcosa che nasce come finger food, quindi, ma qualcosa che lo diventa, per  necessita’. Un pezzetto di tortilla e’ una tapa, un mestolo di zuppa e’ una tapa, un biscotto salato non lo e’.

2). i Pinchos (da non confondere con i Pintxos baschi) sono finger food che si infilzano con uno stuzzicadenti- di ogni foggia e misura-  e si mangiano in piedi, al bancone del bar. Quindi, a differenza delle Tapas, i Pinchos nascono per essere mangiati in un solo boccone, con piena fantasia nella scelta degli ingredienti. L’unico limite e’ la consistenza, visto che lo stuzzicadenti e’ essenziale (altrimenti i baristi non sanno fare i conti, visto che al posto del blocchetto delle ordinazioni ci sono gli stuzzicadenti vuoti)

3). i Montadito sono fettine di pane o panini mignon su cui viene assemblato ogni ben di Dio, a seconda della fantasia di chi li prepara. Essenziale, quindi, e’ il pane.

Anche noi dovevamo preparare i 3 tipi di tapas ma con un filo conduttore e io, guarda caso, ho pensato di scegliere Heidi come fil rouge, cosa c’è di meglio dei formaggi svizzeri come unione tra le 3 portate? ( si forse la cioccolata svizzera, ma non potevamo fare tapas dolci).

Ho pensato come prima cosa al piatto svizzero per eccellenza, la fonduta , in questo caso una fonduta all’Appenzeller :

fonduta-1

Print Recipe
Fonduta dell'Appenzello
Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 15 minuti
Porzioni
porzioni piccole
Ingredienti
Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 15 minuti
Porzioni
porzioni piccole
Ingredienti
Istruzioni
  1. Grattuggiate il formaggio e mettetelo un un pentolino stretto con 1 cucchiaio di fecola di patate e 1 bicchiere di vino bianco, su fuoco dolce e mescolate sempre per evitare che bruci. Quando il formaggio sarà ben sciolto regolate di pepe e aggiungete 1/2 bicchierino di Kirsh, fate evaporare l'alcool e servite subito in ciotoline individuali, calda, con cubetti di pane bianco.
Condividi questa Ricetta

Cone seconda cosa, ovvero il pincho, ho pensato alla raclette, ovvero patate e formaggio raclette fuso.

pinchos-1

Print Recipe
Pinchos di patate e raclette
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 25 minuti
Porzioni
porzioni
Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 25 minuti
Porzioni
porzioni
Istruzioni
  1. Lavate bene le patate spazzolandole bene, cuocetele a vapore con la buccia per 20 -25 minuti ( dovrebbero bastare ) , poi tagliatele a metà e scavatele leggermente con uno scovolino o un cucchiaino da caffè. Salatele all'interno. Fate fondere il formaggio in un pentolino e riempite le patate con il formaggio fuso, decorate con un pezzetto di prosciutto croccante ( fatelo abbrustolire velocemente in una padella antiaderente) e una cipollina o una fetta di cetriolo.
Condividi questa Ricetta

Come terza proposta, per i montadito, ho preparato un crostino di pane con chutney di prugne e roselline di formaggio Tete de moine.

montadito-1

Print Recipe
Montadito con chutney di prugne e Tete de moine
Tempo di preparazione 5 minuti
Tempo di cottura 30 minuti
Porzioni
porzioni
Ingredienti
Montadito
Chutney di prugne
Tempo di preparazione 5 minuti
Tempo di cottura 30 minuti
Porzioni
porzioni
Ingredienti
Montadito
Chutney di prugne
Istruzioni
Chutney di prugne
  1. In una pentola mettete le cipolle affettate sottilmente, il cucchiaio d'olio e fatele appassire un pochino, poi unite le prugne a pezzetti, lo zucchero, l'aceto di mele, fate evaporare l'aceto, quindi unite il miele, lo zenzero e cuocete finchè le prugne e le cipolle saranno tenere e disfate. Se le prugne fossero troppo asciutte, aggiungete un po' di succo d'arancia o dell'acqua per evitare che il composto caramellizzichiudeteli e rovesciateli. fateli raffreddare, capovolgeteli e aspettate almeno 15 giorni, così i sapori si affineranno. Dopo 35-40 minuti dovrebbe essere cotto, versatelo in vasetti piccoli sterilizzati,
Montadito
  1. Tostare leggermente il pane scuro, mettere 1 cucchiaino di chutney e 2-3 roselline di tete de moine su ogni fetta. Se non avete la girolle per fare le roselline potete fare delle fettine molto sottili di formaggio usando un pelaverdure.
Condividi questa Ricetta

Con queste tapas partecipo alla sfida n.60 del Mtchallenge .

mtc-ot16

 

Mini muffin salati feta e prosciutto

Siamo in periodo di europei di calcio, avete mai ricevuto una telefonata da vostro marito che vi informa che per la partita serale ha invitato qualche amico ? A me succede spesso e se non è mio marito è mio figlio a farlo, quindi mi sto specializzando in ricette veloci e gustose di finger food, cibo da poter mangiare in un boccone guardando la partita.

mini muffin cestino lavagna-1

Questa volta ho pensato a dei mini muffin con feta, prosciutto e piselli, un muffin salato, gustoso, ideale anche con l’aperitivo e quale occasione migliore per inaugurare il mio nuovo stampo Le Creuset per mini muffin?

teglia mini muffin -1

Le Creuset è un’azienda di fama mondiale, molto conosciuta per le sue pentole in ghisa e ceramica, ma che propone anche una vasta gamma di prodotti per pasticceria  ed accessori per cucinare.

Gli stampi Le Creuset sono in acciaio in carbonio di alta qualità, non si deforma e ha un rivestimento anti aderente (senza PFOA) che lo rende durevole  nel tempo e pratico perché permette agli alimenti di non attaccarsi.

mini muffin -1

Mini muffin salati feta e prosciutto
 
Prep time
Tempo di cottura
tempo totale
 
Piccoli fingerfood perfetti in ogni occasione
Author:
Recipe type: antipasto
Cuisine: italiana
Porzioni: 15
Ingredienti
  • Per 15 mini muffins:
  • 1 uovo + 1 tuorlo
  • 90 g farina 00
  • 50 ml latte
  • 50 ml olio di semi o olio d'oliva leggero
  • 2 cucchiai di formaggio parmigiano gratuggiato ( circa 15 g)
  • ½ bustina di lievito ( 8 g)
  • sale, pepe
  • 50 g prosciutto cotto tagliato a dadini
  • 50 g formaggio feta a dadini
  • 70 g piselli cotti
  • Per finire:
  • 10 pomodorini datterino ( facoltativi)
Spiegazione
  1. In una larga ciotola mescolate con una frusta o una forchetta le uova, aggiungete il latte, l'olio, il parmigiano, la farina, sale, pepe e il lievito.
  2. Con una spatola aggiungete il prosciutto, il feta e i piselli.
  3. Versate il composto nello stampo per mini muffin riempiendo ogni spazio fino a ½ cm dal bordo.
  4. Tagliate a metà i pomodorini e mettete una metà su ogni muffin.
  5. Cuocete in forno caldo a 175° per 20-25.

 

Questa ricetta potete modificarla a seconda di cosa avete in frigo o delle vostre preferenze. Potete usare del prosciutto crudo o della mortadella al posto del prosciutto cotto, della mozzarella, dell’emmental o della fontina invece del feta e scegliere una verdura a piacer per sostituire i piselli. Insomma una ricetta molto versatile.

mini muffin cestino-1

Potete anche surgelarli da cotti e passarli in forno caldo per pochissimi minuti quando ne avrete bisogno.

 

 

Cupcakes ai lamponi per il Crazy taste

Questo mese con il gruppo di Cakes lab test & taste abbiamo deciso di pesare un po’ anche all’estate che arriva, di essere light in previsione della prova costume….ah aha non è vero, abbiamo sì scelto un libro di ricette sane e naturali ma pur sempre dolci, quindi questo mese proviamo Dolci naturali. Tanti splendidi dolci con ingredienti di stagione di Amber Rose e la ricetta che abbiamo scelto per il Crazy taste sono i cupcakes gustosi ai frutti di bosco.

cupcake lamponi singolo-1

Con questa ricetta base potete sbizzarrire la vostra fantasia, potete variare la farina, il gusto dell yogurt e la frutta, quindi via all’inventiva e fateci vedere dove arrivate.

cupcake lamponi alto-1

Io ho seguito la ricetta base ed ho usato dei lamponi ( cosa ci posso fare li adoro !! ) però rispetto ai 10 cupcakes indicati nella ricetta, io ne ho ottenuti 24  perchè ho usato uno stampo per minicupcakes .

Cupcakes ai lamponi
 
Prep time
Tempo di cottura
tempo totale
 
Author:
Recipe type: Dolci
Cuisine: internazionale
Porzioni: 24 piccoli o 10 grandi
Ingredienti
  • 150 g farina di farro bianca setacciata
  • 1½ cucchiaini di lievito per dolci
  • 1 pizzico di sale
  • 65 g burro morbido
  • 1 uovo grande
  • 100 g yogurt bianco
  • 90 g sciroppo d'acero o miele
  • ½ cucchiaino di estratto di vaniglia
  • un po' di scorza di limone
  • 100 g lamponi freschi
  • Per la glassa:
  • 250 g formaggio cremoso
  • 50 g sciroppo d'acero o miele
  • 125g lamponi per decorare + un po' del loro succo
Spiegazione
  1. Riscaldate il forno a 180°
  2. Mescolate la farina, il lievito e il sale in una grande ciotola.
  3. In un'altra ciotola lavorate con un frullino elettrico il burro per 4 minuti, aggiungete 1 cucchiaio di ingredienti secchi ( mix farina) e poi l'uovo e mescolare fino ad ottenere un composto soffice, se desse l'impressione di impazzire aggiungete un altro cucchiaio di farina, poi con un cucchiaio aggiunghete il resto della farina , lo yogurt, lo sciroppo d'acero, l'estratto di vaniglia e la scorza di limone.
  4. Per ultimi aggiungete i lamponi.
  5. Versate il composto negli stampi scelti e cuocete per 12-15 minuti.
  6. Togliete dal forno e metteteli a fraffreddare su una griglia.
  7. Per la glassa:
  8. Lavorate il formaggio con lo sciroppo finchè non sarà liscio, Mescolateci un po' di succo dei frutti scelti, (con i lamponi è bastato schiacciarne qualcuno ) se usate i mirtilli andranno cotti qualche minuto con un po' di limone e dello sciroppo d'acero.
  9. Spalmate la glassa con le striature di succo sui cupcakes e terminate disponendoci sopra uno o più frutti di bosco.

So che starete pensando di non usare il frosting, ma ci vuole, altrimenti non sono cupcakes e poi il frosting completa il loro sapore.

cupcake lamponi primo piano-1

Qui, sulla locandina,  trovate la ricetta, invece sul blog di Cakes lab trovate tutte le indicazioni per partecipare al nostro gioco e il banner da inserire nel vostro post .

Contest

 

 

Cheesecake alle pesche e cioccolato

Chi è abbastanza vecchio come me sa cosa significa essere in zona Cesarini. Se non lo sapete ve lo spiego, Renato Cesarini era un giocatore della Juve che nel 1931 segnò un goal al 90′  e regalò all’Italia la vittoria per 3-2 sull’Ungheria a Torino in un incontro di Coppa Internazionale. Da quell’episodio un giornalista prese lo spunto per identificare i goal fatti all’ultimo secondo e che cambiavano le sorti della partita, come fatti in “zona Cesarini”. Tutto questo per dire che questa sera arrivo con la ricetta in zona Cesarini, mai così tardi ho pubblicato qualcosa per l‘MTc.

cheesecake MTC-1

Questo mese Fabio e Anna Luisa del blog Assaggi di viaggio  avevano scelto come tema la cheesecake e come sempre quando mi dico che è facile, non ci saranno problemi ecco che mi distraggo e il mese passa e io non faccio nulla. Questo mese ho confuso le date di scadenza quindi mi ritrovo a pubblicare 2 ricette lo stesso giorno per non mancare all’appuntamento con la sfida dell‘MTchallenge

cheesecake MTC taglio-1

Una cheesecake semplice con pezzetti pesche gialle  e scaglie di cioccolato e un topping alle pesche e amaretto di Saronno.

cheesecake MTC fetta-1

5.0 from 1 reviews
Cheescake alle pesche e cioccolato
 
Prep time
Tempo di cottura
tempo totale
 
Una morbida cheesecake con pezzetti di pesca e scaglie di cioccolato copreta da una crema alle pesche e amaretto di Saronno.
Author:
Recipe type: Dolce al cucchiaio
Cuisine: internazionale
Porzioni: 1 da 12 cm
Ingredienti
  • Per la base :
  • 80 g di biscotti di pasta frolla (la ricetta la trovate sul blog)
  • 35 g burro fuso
  • 1 cucchiaio abbondante di scaglie di cioccolato fondente
  • Per la crema:
  • 200 g formaggio spalmabile
  • 125 g yogurt alla vaniglia
  • 35 g zucchero
  • 15 g di cioccolato fondente a pezzetti
  • 1 pesca gialla ( circa 150 g )
  • 5 g colla di pesce
  • 1 cucchiaio di panna ( o latte ) per sciogliere la colla di pesce
  • Per il topping:
  • 2 pesche
  • 30 g zucchero
  • 20 g gelatina in polvere
Spiegazione
  1. Mettete i biscotti in un sacchetto di plastica e pestateli con un mattarello, poi mettete le briciole ottenute in una ciotola e aggiungete il burro e il cioccolato, mescolate così da amalgamare bene tutto.
  2. Versatelo in un coppapasta da 12 cm di diametro, rivestito di acetato per alimenti e pressate bene il composto per formare il fondo. Mettete in frigo.
  3. Nel frattempo preparate la crema:
  4. Mettete a bagno la colla di pesce.
  5. Mescolate il formaggio con lo yogurt, aggiungete la polpa della pesca a dadini e i pezzetti di cioccolato fondente .
  6. In un cucchiaio di panna o latte caldo fate sciogliere la colla di pesce ammorbidita e ben strizzata, poi mettetela nel composto di formaggio e mescolate bene per amalgamare la colla di pesce.
  7. Versatela sulla base di biscotti e mettete in frigo.
  8. Per il topping pelate 2 pesche gialle, frullatele con 30 g di zucchero e 2 cucchiai di amaretto di Saronno.
  9. Prendete ⅓ del composto e scaldatelo, poi aggiungete la gelatina in polvere e stemperatela bene, unite il composto caldo al frullato e lasciatelo raffreddare.
  10. Versate ora il topping sulla cheesecake e tenete in frigo per almeno un paio d'ore.

Il gusto leggermente acido dello yogurt si addolcisce con i pezzetti di pesca e con il cioccolato che deve essere a pezzetti, ma non troppo piccoli, si deve ben sentire insomma.

La base di biscotti è fatta con i biscotti fatti con questa pasta frolla 

cheesecake MTC fetta girata-1

Con questa ricetta partecipo alla sfida di maggio dell’MTchallenge .

bannersfida maggio

Bagel alle nocciole con tomino e lardo al pepe

Vi ricordate che tempo fa vi ho parlato della frutta secca  Ventura e della mia partecipazione a  Top Italian blogger 2016 Ventura ci ha fornito una Mystery Box  con diversi tipi di frutta secca ( qui trovate  la mia angelica salata con i pistacchi ) e per questa ricetta ho pensato che la granella di nocciole ci starebbe stata benissimo.

bagel -1

La granella di nocciole Ventura è ottenuta da nocciole tostate ed è confezionata in una praticavaschetta salvafreschezza che ne preserva  l’aroma, la croccantezza e le proprietà nutrizionali.

Una curiosità, lo sapevate che il nocciolo sin dall’antichità è stato considerato il simbolo dell’eternità, e quindi della giovinezza, della salute e della gioia. Questa simbologia è particolarmente sentita nei Paesi dell’Estremo Oriente, soprattutto in Cina e in Giappone, dove il nocciolo è molto diffuso perché, con il suo strano portamento a cespuglio, si inserisce armonicamente nello stile dei loro giardini.

Con la granella di nocciole buonissime ho pensato di fare dei bagel e poi farcirli con un tomino caldo e filante, granella di nocciole Ventura e del lardo al pepe.

bagel tomino colante-1

La nocciola farà risaltare la cremosità del tomino e la sua croccantezza darà il giusto tocco finale al bagel.

bagel aperto-1

 

bagel tomino-1

5.0 from 1 reviews
Bagel alle nocciole con tomino e lardo
 
Prep time
Tempo di cottura
tempo totale
 
Un soffice bagel integrale alle nocciole con tomino grigliato e lardo di Colonnata .
Author:
Recipe type: Bagel
Cuisine: Italiana
Porzioni: 6
Ingredienti
  • Per 6 Bagel:
  • 200g Farina Integrale
  • 200 g di Farina tipo manitoba ( io ho usato una W270)
  • 4 g Lievito di birra secco o 12 g di lievito di birra fresco
  • 1 cucchiaio di Zucchero semolato ( circa 5 g)
  • 1 cucchiaino di Sale ( circa 10 g)
  • 280-300 ml di Acqua tiepida (la quantità dipende dal tipo di farina...)
  • Per finire :
  • 1 tuorlo d'uovo per spennellare
  • 20 g granella di nocciole Ventura
  • 1 cuccchiaio di zucchero
  • acqua
  • Per completare:
  • 6 tomini
  • 12 fette di lardo al pepe ( o pancetta)
  • 20 g granella di nocciole Ventura
Spiegazione
  1. Versare la farina in una ciotola (non setacciare la farina integrale!), aggiungere lo zucchero, il lievito e il sale, a poco a poco versando acqua tiepida, ma non calda, cominciare ad impastare, quando l'impasto sarà omogeneo e sodo aggiungete la granella nocciole, impastare ancora un pochino per incorporare bene la granella poi metterlo in una ciotola leggermente unta d'olio, coprirlo con pellicola e lasciarlo in un luogo caldo a lievitare per 1 ora e mezza circa.
  2. Togliere l'impasto dalla ciotola, spolverare con farina il piano di lavoro, stendere l'impasto con un mattarello e dividerlo in 6 parti, da ciascuna di esse formare una pallina, leggermente schiacciata (con un diametro di 7-10 cm). Mettere ogni pallina su una teglia foderata con carta da forno.
  3. Creare un buco al centro aiutandosi con un bicchiere e allargando il buco tirando verso l'esterno con un dito, coprire con un panno e far lievitare in un luogo caldo per 30 minuti.
  4. Riempire una pentola capiente di acqua, aggiungere un cucchiaio di zucchero, quando l'acqua inizia a bollire mettere i bagel e bollire per un minuto su ogni lato, quando sono pronti scolarli e metterli su una griglia ad asciugare (ci si può aiutare tamponando con un tovagliolo di carta).
  5. Scaldare il forno a 200 °C.
  6. Spennellare la superficie dei bagel con il tuorlo e cospargere con un po' di granella di nocciole e cuocere per 15-18 minuti o fino a doratura.
  7. Sfornare e lasciar raffreddare su una griglia da cucina.
  8. Tagliate i bagel e lasciateli da parte.
  9. Su una piastra ben calda fate fondere 1 tomino per ogni bagel, rigirandolo spesso, così che possa fondere bene su entrambi i lati, a cottura terminata, quando comincerà a essere cremoso mettete un pochino di granella di nocciole sul tomino, poi mettetelo subito sul bagel e coprite con 2 fette di lardo al pepe.
  10. Servite subito accompagnandolo con una bella insalata verde

Vi consiglio di prepararli per un  brunch o per una colazione all’aperto accompagnata da un’insalata verde e un buon bicchiere di vino bianco.

bagel tomino nocciole-1

Le nocciole sono uno dei frutti più tradizionali in Italia. La pianta, infatti, cresce spontaneamente e si coltiva soprattutto in Campania, Piemonte, Lazio e Sicilia, le principali regioni produttrici di nocciole.
La principale varietà da frutta è la Corylus avellana, una specie spontanea o coltivata in Italia.
La parola avellana deriva da Abella, un’antica località sannita in provincia di Avellino. Il suo toponimo è passato a identificare la nocciola stessa in spagnolo, avellana, e in portoghese, avelã.

 Un’altra curiosità, lo sapete che, in un certo senso, dobbiamo a Napoleone l’invenzione della famosa crema gianduia torinese ? Agli inizi del XIX secolo i pasticceri torinesi inventarono il gianduia, costituito da farina di nocciole con il 15-20% di cacao perchè in quel periodo Napoleone bloccò l’importazione di prodotti dell’industria britannica e delle sue colonie, quindi i torinesi cominciarono a miscelare il cacao, divenuto quasi introvabile, con la più economica nocciola.

 

 

Gallette integrale con pomodori e feta per lo #scambiamociunaricette delle bloggalline.

Il mese scorso non ho potuto partecipare causa parto della mia cagnolona, ma questo mese  eccomi qui con lo  Scambioricette, un simpatico gioco tra noi bloggalline, in cui veniamo abbinate ad un’altra blogger del gruppo e riproponiamo una ricetta. Questo mese sono stata abbinata a Danja del blog Un pinguino in cucina.

gallette pomodori-1

 

Di ricette ne ha veramente tante ma mi ha colpito questa per i soliti motivi di intolleranza di mia figlia, questa galletta di farro e farina integrale era l’ideale, poi adesso i pomodori cominciano ad essere buoni e saporiti, quindi ho deciso !

Per completarla ho usato un formaggio feta senza lattosio, così Giulia ha potuto mangiarla senza problema.

gallette intergrale pomodori-1

Gallette integrale con pomodori e feta -scambiaricette
 
Prep time
Tempo di cottura
tempo totale
 
Una delicata galletta integrale con pomodori , senza lattosio, Perfetta come antipasto, piatto unico o in un pic nic.
Author:
Recipe type: Piatto unico
Cuisine: Italiana
Porzioni: 1 galletta da 28 cm
Ingredienti
  • Per la pasta.
  • 120 g farina integrale
  • 120 g farina di farro
  • 50 g olio evo
  • 70 ml circa d'acqua
  • 1 pizzico di sale
  • Per il ripieno:
  • 3 pomodori ramati grandi
  • 80 g circa di feta ( per me senza lattosio)
  • timo fresco o origano secco
Spiegazione
  1. Per la pasta mescolate le due farine, poi aggiungete l'olio, il sale e aggiungete poco per volta l'acqua fino ad ottenere una pasta morbida ma non troppo appiccicosa.
  2. Copritela e fatela riposare in frigo per almeno 30 minuti.
  3. Stendete ora la pasta molto sottile,su carta forno, tagliate i pomodori a fettine sottili e disponeteli a raggiera sulla pasta. Spezzettate il feta e mettetelo sui pomodori, ultimate con un pizzico di sale e del timo sui pomodori .
  4. Mettete in forno caldo a 200° per cirac 30 minuti o finchè la pasta sarà ben colorita sui bordi e i fiocchetti di feta ben dorati .
  5. Buonissima anche fredda e se volete potete anche mettere un po' di patè di olive sopra, ci sta proprio bene !

Un grazie ancora a Danja per la ricetta veloce e gustosissima e vi consiglio di fare un giro sul suo blog, ne vale la pena.