Trecce di pasta brioche con crema e cioccolato

Come molti di voi mi piace guardare le foto su instagram, ovviamente buona parte sono di cibo. Mi piacciono molto le foto dark, quelle scure con in evidenza solo pochi oggetti, mi piacciono quelle dei lievitati ( la mia passione) dove vedi la bellezza di un pane rustico e puoi immaginarne il sapore e mi piacciono le foto delle brioche. Si mi piacciono le forme diverse che si possono fare con un semplice impasto, le variazioni di ripieno, le aggiunte di ingredienti e quando ho visto le brioche con crema e cioccolato di Elena, del blog Saltando in padella ,  non ho potuto non correre a vedere la ricetta e la sera stessa stavo già impastandole. Partono da una ricetta dei Pain au chocolat di Emmanuel Hadjiandreou poi modificata.

Brioche crema in primo piano

Non è una ricetta veloce vi avviso, quindi vi servirà una giornata tranquilla, di quelle che potete gestirvi stando tanto a casa. Non è una lavorazione lunga , solo ha bisogno di diversi tempi di riposo di circa 30 minuti l’uno quindi calcolate bene i tempi. Ma vi assicuro che il risultato vi ripagherà del lavoro e poi avrete imparato un metodo per ottenere infinite varietà di brioche sfogliate.

brioche crema e ciocccolato

Diciamo che assomigliano di più a dei croissants che alle brioche perchè sono sfogliate, cioè hanno uno strato di burro tra una sfoglia e l’altra di pasta e questo farà gonfiare la pasta e la renderà soffice e croccante.

La forma arrotolata le fa assomigliare a della treccie e le fa aprire benissimo facendo vedere il goloso ripieno.

brioche crema con mani

Print Recipe
Trecce di pasta brioche
Tempo di preparazione 2 ore
Tempo di cottura 20 minuti
Tempo Passivo 10 ore circa
Porzioni
o 8 piccole
Ingredienti
Tempo di preparazione 2 ore
Tempo di cottura 20 minuti
Tempo Passivo 10 ore circa
Porzioni
o 8 piccole
Ingredienti
Istruzioni
  1. Setacciate in una ciotola la farina, lo zucchero e il sale. In un’altra ciotola più grande sciogliere il lievito nell’acqua tiepida. Unite gli ingredienti secchi a quelli umidi, fino a quando stanno insieme. Sarà un composto un po' grumoso ma va bene così. Coprite con la ciotola piccola e fate riposare 10 minuti. Dopo 10 minuti prendete, con le mani, un pezzo di impasto dal lato e tiratelo verso il centro. Girate la ciotola e ripetere con un altro pezzo di impasto fino a piegare tutto il bordo dell'impasto. Coprite di nuovo e fate riposare per altri 10 minuti. Ripetere di nuovo questi giri al centro per altre due volte, intervallate sempre da un riposo di 10 minuti, tra una volta e l’altra. Questo servirà a dare consistenza alla pasta e a renderla liscia. Formare una palla con l’impasto, con la chiusura sotto e mettere in frigo a riposare per circa 6/8 ore. Dopo il tempo di riposo, togliete l’impasto dal frigo, fatelo riposare 30 minuti a temperatura ambiente e rovesciatelo sul piano di lavoro, leggermente infarinato. Formate un quadrato di circa 12 cm per lato. Con il burro ammorbidito ma non molle, diciamo che dovrà rimanere l'impronta del dito ma non sprofondare dentro, formate un rettangolo 12×6 circa mettendo il burro tra 2 fogli di carta forno. Posizionatelo al centro del quadrato e chiudere in modo da coprire il burro ma senza sovrapporre la pasta più di 1/2 cm. Aiutatevi con il mattarello dando dei colpi per chiudere bene l’impasto intorno al burro. Allungare e formare un rettangolo e fate una piega a tre. Fate riposare in frigo, avvolto in pellicola per circa 20 minuti. Togliete dal frigo, tirate di nuovo un rettangolo, con il mattarello, piegate di nuovo a tre, per altre due volte, sempre con un riposo in frigo. Finito i tre giri a tre, chiudete l’impasto di nuovo in pellicola e portate in frigo per almeno 40 minuti. Qua regolatevi, secondo i vostri tempi. Potete lasciare la sfoglia in frigo anche per più tempo. Per la crema guardate sotto nelle note i link per la ricetta di Elena o quella di Montersino. Trasferite il composto in una tazza o una ciotolina e coprire a contatto con pellicola per evitare che faccia la pelle. Dividete l'impasto in due e stendete formando due rettangoli possibilmente uguali. Stendere la crema con un cucchiaio in maniera uniforme sopra un rettangolo e distribuite le gocce ci cioccolato. Coprite con l'altro rettangolo. Tagliate delle strisce lunghe quanto il lato corto del rettangolo e arrotolante senza stringere. Ricoprite una teglia con carta forno e adagiate le strisce. Lasciarle lievitare fino al raddoppio . Prima di infornarle spennellatele con un uovo sbattuto con 1 cucchiaio di latte e un pizzico di sale . Accendere il forno a 220° e poi abbassate a 200° quando infornate le bioche. Cuocete per circa 20 minuti. Dovranno essere ben dorate.
Recipe Notes

Se non avete una vostra ricetta della crema pasticcera vi suggerisco questa di Elena o questa di Montersino   che ho usato per i cannoncini .

Condividi questa Ricetta
 

Ecco come piegare le brioche.

Un consiglio, la crema pasticcera dovrà essere soda per non uscire dalla pasta, altrimenti vi ritroverete con una teglia di crema bruciata anzichè un ripieno morbido. Io vi do la ricetta di Elena ma se volete la versione di Montersino con amido di mais  e amido di riso la trovate qui, ma dovete aumentare di 10 g l’amido per averla più soda.

brioche crema con caffè

Non spaventatevi e provate, rimmarrete stupiti dalla bontà.

You Might Also Like

5 Comments

  • Reply
    saltandoinpadella
    19 settembre 2017 at 10:13

    Mamma mia hai sfornato delle vere meraviglie. Sono di un bello!!! E sai che ti dico? così belle grandi devono dare una soddisfazione pazzesca. Mi hai fatto venire una gran voglia di rifarle. Con questo cielo uggioso ho una voglia di dolce in questi giorni che non ti dico. La ricetta della crema viene da mia zia, e mi sono sempre trovata benissimo. Poi è vero che se si vuole più fine e lucida è meglio usare la maizena

  • Reply
    Elena Broglia
    25 settembre 2017 at 20:19

    che buone!!! sono passata e mi sono impegnata nel commentare, non appena letto su fb del trasloco! Purtroppo si è perso l’abitudine del commento, sembra sempre banale ed invece fa un gran piacere (almeno a me) , In bocca al lupo e vedrai che sarà un successo… proprio come queste delizie!

    • Reply
      Anna Bonera
      25 settembre 2017 at 20:51

      Grazie Elena, è vero fa piacere leggere i commenti, grazie di cuore di essere passata e degli auguri , un abbraccio Anna

  • Reply
    Monica
    17 novembre 2017 at 15:08

    Ciao Anna, sono rimasta incantata da queste trecce, infatti vorrei farle proprio ora. Però mi sorge un dubbio, se volessi preparare queste meraviglie per la colazione come devo fare? Perché ho notato che il riposo si limita a 6/8 ore , quindi se impastassi verso le 19/20 di sera le 6/8 ore verrebbero superate ed arriverebbero a 12 ore perché l’impasto rimarrebbe in frigo per tutta la notte. Quindi per non sforare nella lievitazione mi consigli di diminuire il lievito, così da poterle far riposare in frigo di più? Grazie mille in anticipo della risposta! <3

    • Reply
      Anna Bonera
      17 novembre 2017 at 17:57

      Ciao Monica, si puoi tranquillamente diminuire il lievito e prolungare la lievitazione. Io impasto molto tardi così il mattino sono al punto giusto 😉

    Leave a Reply