La rosticceria palermitana

Fino a qualche giorno fa non sapevo cosa si intendesse per rosticceria palermitana, poi ecco, sempre lui, il mitico gruppo facebook di Paoletta con l’appuntamento di panificazione del sabato. Questa volta la padrona di casa la fa Ecucinando il sito ( alias Cristina), che ci consiglia le farine, i tempi di riposo , i ripieni. Ci segue passo passo ( l’ho vista rispondere a domande assurde anche a mezzanotte) e il risultato non può che essere perfetto.
La pasta è morbida, dolce ma non troppo, buonissima. Con un po’ di fantasia si possono fare tantissimi ripieni dolci e salati per stupire i vostri ospiti ( ma anche per un picnic o una gita al mare).
Non sono di Palermo e non vorrei dire sciocchezze, per cui mi limito a dire che le forme più conosciute sono i rollò (con i wurstel), le ravazzate (con ragù e besciamella), i calzoni e le pizzette.
Poi c’è la mia versione dolce preferita , un piccolo panino tondo da gustare con la Nutella.
Che dire….sono da provare !!

Per circa 30 pezzi
1 kg farina 00 o W280/300
100 gr strutto ( mezza dose se si pensa di friggerli)
  80 gr zucchero
10/25 gr lievito di birra fresco ( dipende dalla temperatura ambiente e se volete far riposare la pasta in frigo per molto tempo)
  18 gr sale
160 gr acqua
500 ml latte
    1 cucchiaio olio d’oliva

*Se usate una farina 00 dovrete usare solo 500 ml di liquidi in totale ( non 660).

Iniziate facendo un lievitino con 500 gr di farina , 500 ml di latte e il lievito di birra ( più sarà il tempo di riposo della pasta in frigo , minore sarà la dose di lievito . Ad esempio 25 gr se non fate riposo in frigo, ma lievitazione a temperatura ambiente, 10 gr se dopo l’impasto mettete in frigo a riposare per qualche ora prima di dare le forme, 5 gr se fate riposare in frigo tutta la notte e lavorate il mattino dopo.) Lasciate riposare coperto per 90 minuti.
Se usate una planetaria , mettete il gancio e aggiungete tanta farina quanta ne serve per rendere l’impasto consistente, poi alternando , aggiungete zucchero , acqua( se avete usato una farina di forza W 280/300 ) e la farina rimasta , incordando ogni volta.
Con l’ultimo inserimento dello zucchero, unite anche il sale.
Poi lo strutto e per ultimo il cucchiaio di olio.
L’impasto sarà piuttosto morbido, ma elastico.Coprite e fate lievitare finché raddoppia.
Se mettete l’impasto in frigo, ricordatevi che deve tornare a temperatura ambiente prima di essere lavorato.
Fate delle palline di circa 40 / 50 gr. poi decidete la forma e il ripieno.
Per i rollò , fate delle striscie di 1 cm lunghe circa 35/40 cm, poi arrotolatele intorno al wurstel ,facendo in modo che la pasta si sovrapponga leggermente e copritelo tutto .
Per le ravazzate stendete una pallina e mettete il ripieno al centro ( di solito ragù e besciamella), poi chiudete e cercate di ridare la forma della pallina .
Per i calzoni stendete la pallina , mettete il ripieno ( mozzarella , pomodoro e prosciutto) poi piegate e chiudete a mezzaluna .
Per le pizzette schiacciare con la mano la pallina e condire con pomodoro e mozzarella

A questo punto fate lievitare ancora una mezz’ora, poi spennellate con uovo sbattuto, mettete se vi piacciono dei semi di sesamo e  cuocete in forno a 180° finchè saranno ben dorati.

You Might Also Like

36 Comments

  • Reply
    Rosy Eurocontest
    17 giugno 2013 at 7:41

    Hai preparato dei panini bellissimi e sicuramente gustosissimi complimenti e grazie della ricetta!

  • Reply
    IlMondoDiZuzilandia
    17 giugno 2013 at 9:18

    Gustosissimi questi panini, ti ruberò la ricetta!

  • Reply
    Marins Toty
    17 giugno 2013 at 9:36

    Che aspetto succulento… ho l'acquolina in bocca…

  • Reply
    maria boiano
    17 giugno 2013 at 9:58

    mio marito ne va matto devo provare a farli

  • Reply
    martinabeauty
    17 giugno 2013 at 10:24

    che belle informazioni… proverò sicuramente, era il mio prossimo obiettivo il pane in casa 😉

  • Reply
    Barbara
    17 giugno 2013 at 10:42

    Ancora un capolavoro: non ho mai visto gli "originali", quindi non ho un termine di paragone, ma trovo tutte le versioni, salata e dolce, veramente splendidamente riuscite, brava!

  • Reply
    Francesca L
    17 giugno 2013 at 10:48

    Aspetto succulento, da far venire l'acquolina in bocca!

  • Reply
    Paola Rossi
    17 giugno 2013 at 10:54

    uhm..sono veramente ottimi, ne ho mangiato uno simile proprio ieri sera a cena.

  • Reply
    Valentina Langone
    17 giugno 2013 at 11:00

    che meraviglia per gli occhi e per il palato, sono solo da provare!!

  • Reply
    emanuela rossi
    17 giugno 2013 at 11:47

    ..ma devono essere decisamente buonissimi!!!! mi hai fatto venire proprio l'acquolina in bocca…ricetta già appuntata!!!

  • Reply
    Chiara Piccirilli
    17 giugno 2013 at 12:36

    Che bontà!! Devo assolutamente provarci anche io!

  • Reply
    simona giorgi
    17 giugno 2013 at 12:46

    Sono bellissimi, cerco di copiare la ricetta sperando che vengano belli quasi quanto i tuoi

  • Reply
    rosy pezzera
    17 giugno 2013 at 13:06

    che bontààà!! hanno un aspetto fantastico!!1 immagino il sapore divino!!

  • Reply
    Tiziana B.
    17 giugno 2013 at 13:21

    questi panini sono davvero da provare, buonissimi! complimenti!

  • Reply
    laura
    17 giugno 2013 at 13:40

    mi segno la ricetta, grazie! troppo golosi! laura

  • Reply
    laura p.
    17 giugno 2013 at 13:40

    ottima ricetta, ti è venuta davvero bene! complimenti! laura

  • Reply
    Ferruccio Gianola
    17 giugno 2013 at 13:49

    semplicemente una meraviglia, da provare assolutamente

  • Reply
    stefania bezzoli
    17 giugno 2013 at 14:04

    Complimenti anch'io ho provato diverse volte a cimentarmi nella preparazione di panini ma i tuoi sono superlativi

  • Reply
    giusy loporcaro
    17 giugno 2013 at 14:26

    caspita che meraviglia!!!! adoro la cucina siciliana e ti ringrazio per aver postato questa ricetta made in Palermo!

  • Reply
    veronjkadark passions
    17 giugno 2013 at 15:52

    complimenti per la ricetta e per la presentazione:)Sicuramente oltre che belli saranno buonissimi

  • Reply
    Stefania Benedetti
    17 giugno 2013 at 16:10

    sono favolosi, non conosco gli origfinali ma di sicuro i tuoi non sono da meno

  • Reply
    silvia ferrara
    17 giugno 2013 at 16:28

    li sto mangiando con gli occhi. da vera siciliana non posso che apprezzare

  • Reply
    Danila Salvadei
    17 giugno 2013 at 16:43

    Sembrano gustosi…interessante post culinario! Grazie 🙂

  • Reply
    Maria Teresa Castellana
    17 giugno 2013 at 17:51

    Mamma che buona!! Devo assolutamente provarla!!

  • Reply
    Piccola Tester
    17 giugno 2013 at 17:59

    Ti rubo la ricetta *_*

  • Reply
    Chicca COSMESI E BELLEZZA
    17 giugno 2013 at 19:37

    no ma sei stata davvero brava! hanno un aspetto delizioso,.,.sono stata a palermo anni fa e questa rosticceria aveva prprio questo aspetto!

  • Reply
    marcela yz
    17 giugno 2013 at 19:45

    Complimenti molto buoni mio figlio le va matto

  • Reply
    Rebecca Riparbelli
    17 giugno 2013 at 20:38

    Ricetta stupenda ma anche le foto non sono da meno, complimenti

  • Reply
    stellaaamarina
    17 giugno 2013 at 21:28

    complimento che buono che devono essere, li proverò anche io.

  • Reply
    Giovyna
    18 giugno 2013 at 7:16

    Da brava palermitana (e nipote di cuoco e pasticciere) a casa mia non manca mai la rosticceria! La preparo spesso e mi piacciono molto i calzoni, i rollò col wurstel e le pizzette… Slurp!

  • Reply
    Omar Orsini
    18 giugno 2013 at 9:25

    Prova.

  • Reply
    Mariangela Circosta
    18 giugno 2013 at 13:26

    Meravigliosi, bravissima!

  • Reply
    Dario Sechi
    18 giugno 2013 at 14:54

    Buoni 🙂

  • Reply
    ossimoro
    20 giugno 2013 at 15:35

    mi hia fatto venire l'acquilina 😉

  • Reply
    mammaargi
    20 giugno 2013 at 17:06

    Che meraviglia, quanto mi piacerebbe assaggiarli!

  • Reply
    Anna Cascino
    21 giugno 2013 at 6:18

    ciao che bello il tuo blog!!
    Complimenti davvero sono sempre alla ricerca di nuove ricette da realizzare spero che non ti dispiaccia se te ne rubo alcune sei bravissima

  • Leave a Reply